Il pianeta Ekkunar: patria degli Eldrid

6/24/17

Post successivo // Progettazione dei personaggi Eldrid

6/24/17

Il pianeta verde frantumato

Il pianeta Ekkunar è impressionante per due ragioni.

Innanzitutto è l'ultimo grande pianeta verde dell'universo. Gran parte del pianeta è coperta da copiosa vita organica, che occasionalmente si dirada in arida savana. Una minima parte del pianeta è coperta da deserti o calotte polari, sul resto della superficie regna una vegetazione ricca e varia.


Scarica questo poster di Battleborn da battleborn.com/it/media/downloads/

In secondo luogo (e questa è la sua caratteristica più rilevante), il pianeta sfida le leggi della scienza. Un cataclisma spezzò letteralmente il pianeta in più parti diverse migliaia di anni fa:, l'insieme di questi frammenti mantiene una forma sferica, e il nucleo fuso di Ekkunar è visibile tra una frattura e l'altra. Gli scienziati più brillanti di ciò che resta dell'universo stanno ancora cercando di capire come mai il pianeta non si sia sgretolato o ricomposto. Le ipotesi più accreditate cadono addirittura nel misticismo citando i Varelsi, in grado di violare le leggi universali, o qualche arcano macchinario dei nani Ekkuni.

Gli abitanti di Ekkunar

Ekkunar venne originariamente colonizzato da un gruppo di esseri conosciuti come Aztanti, i cui resti archeologici sono ancora osservabili su alcuni dei pianeti rimasti. Gli Aztanti colonizzarono tutto l'universo e vengono indicati come la razza che in seguito diede i natali agli Eldrid. 

Molti millenni più tardi, si crede che i nativi nani Ekkuni vivano in vasti tunnel sotto la superficie del pianeta. Grazie alla loro innata e mistica comprensione di botanica e geologia, i nani Ekkuni riescono a utilizzare la pietra e la pericolosa flora locale per realizzare equipaggiamento indossabile.

Solo negli ultimi 50 anni, più o meno, i gruppi di Eldrid hanno fatto ritorno in gran numero su Ekkunar, in quanto i loro mondi sono stati travolti e oscurati dai Varelsi. Gli Aelfrin si sono re-insediati in massa nel 19905 s.C., dopo l'oscuramento del loro mondo natale Eshteni. I Pacificatori hanno cercato di insediarsi su Ekkunar circa 25 anni dopo, ma sono stati respinti dagli Aelfrin, molto territoriali, aiutati dagli altri coloni Eldrid.

Caratteristiche di Ekkunar

Su tutto il pianeta si trovano rovine degli antichi Aztanti. Ancora oggi le loro dimensioni e la loro resistenza al logorio dei secoli sono un mistero insondabile. Una delle maggiori peculiarità delle rovine è costituita dagli enormi (anche se ormai inerti) golem guardiani, realizzati dagli Aztanti per scopi sconosciuti. Spesso questi manufatti sono parzialmente sepolti, o ricoperti dalla fitta vegetazione della giungla.

Per approfondire ulteriormente le ricerche sui fenomeni Varelsi, gli Eldrid hanno costruito l'Osservatorio di Amenine. Questo centro di ricerca è stato fondato dal leggendario Osservatore Eldrid Mossire poco dopo il re-insediamento degli Eldrid sul pianeta, con lo scopo di studiare a fondo la natura dei Varelsi, la loro tecnologia dei portali e il modo migliore per sconfiggerli.

La ricrescita di Codex è una testimonianza di quanto gli Eldrid siano determinati a perseguire la conoscenza e a conservare l'ordine naturale dell'universo. Questo è il luogo in cui gli Eldrid hanno piantato diversi semi provenienti dal pianeta Codex, nel tentativo di far ricrescere gli enormi alberi Eliim e di recuperare parte della conoscenza perduta. I boschi di Eliim sono frutti della bio-ingegneria; sono dei veri e propri archivi viventi di conoscenza in grado di immagazzinare enormi quantità di dati, che possono essere recuperati solo dalla tecnologia e dall'abilità degli Eldrid.

Battleborn Eldrid

  • Thorn
  • Boldur
  • Miko
  • Mellka
  • Torna a trovarci per maggiori informazioni sul Battleborn Eldrid non ancora annunciato!

Scopri di più sulla fazione degli Eldrid.

Post collegati